Era sera quando ho pensato

Era sera quando ho pensato

Era sera quando ho pensat...

I valori della vita

I valori della vita

Tutto ciò che ti sei cost...

Pensierini ricevuti ed inviati

Pensierini ricevuti ed inviati

Che il tuo cuscino sia mo...

Volare

Volare

E' sera mi trovo in fines...

The life Jorney

The life Jorney

Era sera Un fiore sul ba...

Lone Dakota Ballad

Lone Dakota Ballad

Amore Sogno o realtà Di...

LA PETTINARIA

LA PETTINARIA

Enciclopedia dei nomi, si...

La scorreggia

La scorreggia

Tiepola Loffa Biloffa ...

Vita da cani

Vita da cani

Sotto il balcone, chiusi...

Traffico

Traffico

Le sette del mattino, fa...

Prev Next

Un impegno per fare, in condivisione.

Comincia oggi un ciclo di articoli sulla mia candidatura politica all’8 Municipio di Roma nella lista Sinistra per Catarci che pubblicherò su questo mio blog.

La prima comunicazione che voglio fare è relativa ai motivi della mia partecipazione alla lista municipale.

Perché mi candido….. Beh non è facile rispondere in 5 parole ma ci posso provare: “perché ho voglia di farlo” e, vi assicuro, non è poco. Volontà, socializzazione, esperienza, rispetto reciproco, giustizia, desiderio di pace, legalità, rispetto per la natura, amore per il lavoro e lotta alla corruzione oltre che condotte di vita sane, sportive e artistiche mi hanno accompagnato in questi anni di vita.

La disponibilità ad ascoltare i cittadini di un municipio che ho vissuto e visto evolversi nella mia infanzia per, seguirli cercando di dare il meglio di me per assisterli sia nei momenti di sconforto che in quelli di felicità è uno dei motori della mia campagna politica.

Tutto viene da lontano, quando nel 1960 ad appena 5 anni sono arrivato a Montagnola ho visto un quartiere che ancora soffriva dei disastri della guerra, la Piazza dei Caduti era popolata da baracche, al posto dell’attuale municipio si trovavano prati e voragini generate dai bombardamenti, la scuola media Poggio Ameno non era ancora costruita fra le baracche che la circondavano, al posto dei palazzi dei Beni Stabili a Piazzale del Caravaggio c’era un laghetto dove andavamo a pesca, e tante altre immagini per me indimenticabili, eppure la vita era bella e spensierata.

La scuola, l’arte le amicizie mi hanno formato nella mente e nell’animo di chi come me ha sempre ripudiato la guerra, portato i capelli lunghi ed amato la chitarra i motorini ed i Led Zeppelin, Lucio Battisti ed i Beatles.

La Montagnola un quartiere che è cresciuto con molta velocità e si è trasformato rapidamente, contorniato da una Garbatella ed una Tor Marancia già agglomerati urbani completi e strutturati.

A Poggio Ameno abitava Adriano Celentano che con la sua Cadillac spider enorme portava a spasso il suo clan con la radio a tutto volume, e noi piccoli lo ammiravamo perché ci piaceva come cantante e uomo di spettacolo cantando e suonando il ragazzo della via gluck ed il contadino.

Ma quando Celentano ha presentato il mondo in mi7 per me è iniziata la beat generation ed il periodo del Peace & Love. Alla piazzetta di Poggio Ameno con tutti gli amici ho vissuto momenti di empatia e di splendide condivisioni di difficile realizzazione oggi. Purtroppo l’eroina ha provocato molte morti e la Montagnola è risultata una delle zone romane a più alta mortalità per overdose.

Un salto di 15 anni e si parla di lavoro, scuola, associazionismo, famiglia e tutto cambia ma i perché della mia candidatura crescono ogni giorno.

Perché? Per esempio per evitare che le aziende facciano la stessa fine della mia, una fine data dall’esaurimento del mercato e dalla trasformazione di esso a seguito della corruzione e dei costi elevati di conduzione. Il personale ad esempio costa troppo e non è certo il job act che risolverà il problema in quanto i costi a carico dello stato per i lavoratori dovranno essere pagati da tutti i cittadini.

Dovrebbero essere realizzati servizi di consulenza per i giovani che li invitino a creare cooperative di lavoro con al centro dell’attenzione il prodotto e la sua tutela.

Con la mia azienda mi sono occupato di informatica e servizi e negli ultimi anni la piaga dei fallimenti e dei caroselli iva ha mietuto vittime con il risultato della chiusura di quasi tutte le aziende; sono rimaste solo quelle che con il mercato consumer hanno mantenuto la clientela vendendo prodotti ed accessori a bassa speculazione.

Sarebbe necessario abilitare servizi di uso e riuso ovvero ciclo e riciclo di materiali che per alcuni sono obsoleti mentre per altri sono riutilizzabili e necessari.

Perché? Per cercare di abilitare l’assistenza ai disabili indiretta e realizzare centri di consulenza e di assistenza ad essi. La mia esperienza in merito è stata terribile, con un figlio disabile al 100% dalla nascita ho fatto richiesta di portarlo al centro Vojta 20 anni fa, sto ancora aspettando che mi chiamino e, ne ho perse di giornate per cercare di farlo entrare, c’era sempre qualcuno che stava prima di me o qualche ostacolo insormontabile da superare.

Perché? Perché desidero contrastare le speculazioni create dai fallimenti di Acqua Marcia Spa o di Infrastrutture spa che lasciano Piazza navigatori e Via Costantino con edifici abbandonati o la ex Fiera di Roma senza riuso e riqualificazione aspettando chissà quale manna dal cielo per riqualificarli.

Perché? Per realizzare un sistema di monitoraggio sanitario con visite e consulenze psicologiche e mediche a tutti gli studenti del Municipio per abituarli a trattare il proprio corpo con attenzione ed a controllarlo con regolarità per una salute migliore e sane abitudini di vita.

Perché? Per inserire nelle scuole medie un sevizio di insegnamento sessuale dal momento che le trattazioni in ambiente scolastico sono insufficienti e sporadiche.

Perché? Per aprire uno sportello anticorruzione ed antimafia a disposizione della popolazione per segnalare, assistere e difendere le vittime di usura, mafia ed isolare i fenomeni di illegalità commerciale che tanto disturbano il mercato legale ed i lavoratori del commercio.

Perché? Per realizzare il mio grande progetto della Città della Musica, un luogo per i musicisti con i musicisti dove, con tante sale prove, un ambiente social ed un palco condiviso i musicisti si possano esercitare ed esibire davanti ad un pubblico sensibile senza soggiacere al ricatto dei gestori di locali pubblici che quasi sempre non solo non pagano i musicisti ma gli chiedono anche il pubblico.

Perché? Perché sono stanco di subire una politica prodotta da politici eletti da un parlamento incostituzionale e presenziato da un presidente mai votato dai cittadini. Il precedente capo dello stato ha nominato ben 3 presidenti del consiglio senza il suffragio dei cittadini.

Perché? Il mio nome sarà su di una scheda elettorale e risponderò personalmente agli elettori del mio operato giusto o sbagliato che sia e desidero farlo nel rispetto delle leggi e delle norme.

Perché? Credo che il presidente uscente Andrea Catarci abbia condotto il suo governo nella legalità, trasparenza ed interesse della popolazione cercando di ascoltare tutte le istanze e proponendo servizi sociali adeguati ed innovativi nei limiti dei poteri e delle poche disponibilità economiche a disposizione del consiglio.

 

Perché? Credo che la musica e lo sport possano essere scienze per il contrasto alla corruzione e attivando processi educativi e pedagogici per le nuove generazioni, pertanto vanno incentivate con tutte le possibili energie nelle scuole realizzando una rete di contatti, manifestazioni e interventi sul territorio municipale.

Leggi tutto...

CHIAMATA DIRETTA DEI PRESIDI

Un poco di storia, due casi di Presidi che si ritrovano nelle difficoltà degli anni di piombo e vengono premiati dal Provveditorato a dirigere scuole maxi sperimentali che hanno potere assoluto sulla ricerca del personale a chiamata diretta e possono costruire il proprio Collegio dei Docenti a loro piacimento. Risultato? Poca differenza dalla scuola di oggi perchè se non fosse perchè avevano dei piani di studi personalizzati non sarebbero state scuole diverse dalle altre. Per interderci: lascuola migliore non la fa il dirigente ma la popolazione, la cultura degli iscritti ed i programmi personalizzati.
LICEO CASTELNUOVO DI ROMA QUARTIERE TRIONFALE.
"La scuola moderna, tutta di prefabbricati, ci accolse nelle sue braccia da quando entriamo in prima "B" nel settantatré a quando la lasciammo nel settantotto. 
E si, allora al Castelnuovo si respirava un'aria molto diversa da quella degli altri licei più blasonati del centro.
Ricordate poi “Lollo libero” scritto su tutti i muri e sulle copertine di Lotta continua? al momento dell'arresto Achille Lollo (autore del famoso rogo di Primavalle) non ha ancora compiuto 22 anni, ma è già molto conosciuto nelle fila della sinistra extraparlamentare. Comincia la sua militanza politica proprio nelle aule del nostro liceo. E uno dei leaderini sempre in testa alle manifestazioni organizzate all'interno del liceo. Nel dicembre 1971 era stato denunciato per danneggiamento aggravato insieme ad altri 19 studenti. Di quell’attivista di Potere Operaio noi ne conosciamo fortunatamente solo le gesta non tanto eroiche ma dei problemi con il Preside Prof. Scirpa si. Venne trasferito dal Provveditorato forse per premio a dirigere al XIV liceo scientifico di Roma attuale Liceo Peano e con superpoteri.
ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE GALILEO GALILEI DI ROMA QUARTIERE VITTORIO
Negli stessi anni era Preside il Prof. amicarelli, a seguito delle facinorose azioni scolastiche e di un diverbio con il personale fu attaccato da un commando che diede fuoco alla sua abitazione e per sua fortuna l'incendio fu spento grazie all'intervento di mia madre che passò il tubo dell'acqua per spegnere l'incendi altrimenti sarebbero stati guai seri. Venne trasferito dal Provveditorato forse per premio a dirigere all'Istituto Tecnico Industriale Galileo Ferraris con i superpoteri anche lui.
Quali erano i superpoteri? Organico di istituto riservato, chiamata diretta dei docenti a domanda o chiamata anche se solo esperti cioè non laureati e abilitati, per fare una scuola di eccellenza. Organico con 14 ore di cattedra e 4 ore a disposizione per supplenze brevi, pino personalizzato di insegnamento concordato a livello nazionale nelle riunioni di Maxi Sperimentazione. Piccola autonomia amministrativa che nei Licei normali era assenti, completa autonomia amministrativa negli Istituti Tecnici.
Cosa è rimasto di quella sperimentazione? LA BUONA SCUOLA DI RENZI.
Ma qualcuno ci ha interpellato in merito? Ma il Ministro ha fatto una chiamata diretta a tutti isuoi lavoratori per sapere se e come avrebbero visto la loro scuola del futuro? Intendo una chiamata obbligatoria? La mia e l'altrui esperienza non serve al Ministro Giannini? La scuola di quel periodo già l'ho detto era forse migliore per i contenuti dei programmi sperimentali e non per le chiamate dirette e per gli specialisti. Sono amareggiato ma se si elimina la collegialità dalla scuola si elimina il contraddittorio e la libertà educativa. E non ditemi che la scuola di qualità la fa il Dirigente che sceglie perchè non andremo molti lontani.

Leggi tutto...

L'autonomia della scuola e la sua privatizzazione

Nel corso della mia carriera scolastica si sono avvicendati tanti colleghi, presidi, dirigenti, segretari, dsga, bidelli, ata e chissà quante altre sigle dovranno definire gli operatori della scuola. 

Salvo rarissimi casi, di solito caratterizzati dalla immobilizzazione nel ruolo di docente che dopo tanti anni perde gli entusiasmi nei confronti del lavoro che effettua, non mi è mai capitato di incontrare docenti incompetenti o incapaci di interagire con gli studenti.

Ho quasi sempre trovato colleghi che amano il proprio lavoro ed a costo di grandi sacrifici personali si sono aggiornati ed ahnno condotto pratiche di qualità con i loro alunni.

Qualche volta ho vissuto atteggiamenti punitivi nei confronti dei ragazzi o bocciature che avrebbero potuto essere indirizzate verso un abbandono scolastico in itinere ma che comunque sarebbero risultate fallimenti.

Ogni ministro ha voluto lasciare il segno per passare alla storia coronando il sogno di protagonismo confondendo i suoi lavoratori e disorientando gli alunni.

Il postulato della pubblica istruzione "ogni ministro è peggiore del precedente" purtroppo si è mantenuto.

L'articolo 33 della costituzione italiana sancisce che:

L'arte e la scienza sono libere e libero ne è l'insegnamento.

La Repubblica detta le norme generali sull'istruzione ed istituisce scuole statali per tutti gli ordini e gradi.

Enti e privati hanno il diritto di istituire scuole ed istituti di educazione, senza oneri per lo Stato.

La legge, nel fissare i diritti e gli obblighi delle scuole non statali che chiedono la parità, deve assicurare ad esse piena libertà e ai loro alunni un trattamento scolastico equipollente a quello degli alunni di scuole statali.

E` prescritto un esame di Stato per l'ammissione ai vari ordini e gradi di scuole o per la conclusione di essi e per l'abilitazione all'esercizio professionale.

Le istituzioni di alta cultura, università ed accademie, hanno il diritto di darsi ordinamenti autonomi nei limiti stabiliti dalle leggi dello Stato.

L'articolo 34 della costituzione italiana sancisce che:

La scuola è aperta a tutti.

L'istruzione inferiore, impartita per almeno otto anni, è obbligatoria e gratuita.

I capaci e meritevoli, anche se privi di mezzi, hanno diritto di raggiungere i gradi più alti degli studi.

La Repubblica rende effettivo questo diritto con borse di studio, assegni alle famiglie ed altre provvidenze, che devono essere attribuite per concorso.

L'autonomia scolastica che si vuole far passare come una panacea per la realizzazione di piani di studi personalizzati e ricerca del personale non è altro che il primo passo della privatizzazione della scuola statale.

Già oggi gli istituti e licei si sostentano e realizzano servizi per gli alunni per mezzo del così detto "contributo volontario" che in pratica è una tassa indiretta per i genitori degli alunni.

Realizzando il piano dell'autonomia, lentamente anche le scuole dell'obbligo verranno portate ad essere finanziate dai genitori degli alunni anche se la costituzione la prevede gratuita.

La focalizzazione della riforma sul concetto di merito è solo una illusoria e demagogica proposta che non ha ragione di vittoria perchè la qualità dell'insegnamento si ottiene solamente per mezzo della personalizzazione dei programmi e degli obiettivi di insegnamento; questa non è una mia opinione ma la risultanza delle pratiche di sperimentazione dei licei maxi sperimentali relalizzata per anni in Italia.

La chiamata diretta degli insegnanti è un altro bluff in quanto i criteri di valutazione del merito dei docenti così come proposti in questa riforma non è attuabile, è faraginosa e irrealizzabile.

La necessità di reperire fondi per la crisi finanziaria porterà ad un ulteriore aggravio lavorativo per i docenti che già devono ogni anno assumersi altre incombenze come la compilazione dei PDP.

Se oggi il governo propone di investire nella scuola è perchè la situazione degli impianti scolastici in Italia è per cetti aspetti disastrosa e pertanto mettere in chiaro i fondi da spendere è un ottimo viatico per ufficializzare una falsa bontà della riforma. Certe spese del resto sono irrinunciabili.

Con l'autonomia della scuola lo stato pian piano sarà legittimato a non fornire software, sussidi, manutenzioni ordinarie, e sopratutto criteri di qualità.

La scuola non è mai stata certificata dallo stato ne mai lo sono stati i suoi dipendenti, nessuna impresa di qualità si sognerebbe di fare questo in tempi moderni.

Pertanto sono profondamente amareggiato da quste forme di squalificazione della scuola italiana che nel giro di 15 anni è stata modificata, ridotta, squalificata e distratta dai criteri di economia e risparmio senza considerarla come unica alternativa alla crescita sociale e culturale del paese.

 

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Altre News

Poesie

Era sera quando ho pensato

Era sera quando ho pensato

22 Luglio, 2021 | Hits:158

Era sera quando ho pensato Di trovare un amore abbandonato Avevo cuore polmoni...

Poesie

I valori della vita

I valori della vita

21 Luglio, 2021 | Hits:191

Tutto ciò che ti sei costruito è lodevole ma, ricorda che la sapienza, l’amore, ...

Poesie

Pensierini ricevuti ed inviati

Pensierini ricevuti ed inviati

21 Luglio, 2021 | Hits:155

Che il tuo cuscino sia morbido, le tue coperte siano calde e che la tua mente si...

Poesie

Volare

Volare

21 Luglio, 2021 | Hits:160

E' sera mi trovo in finestre per mettere la musica per non sentirmi solo e farla...