Era sera quando ho pensato

Era sera quando ho pensato

Era sera quando ho pensat...

I valori della vita

I valori della vita

Tutto ciò che ti sei cost...

Pensierini ricevuti ed inviati

Pensierini ricevuti ed inviati

Che il tuo cuscino sia mo...

Volare

Volare

E' sera mi trovo in fines...

The life Jorney

The life Jorney

Era sera Un fiore sul ba...

Lone Dakota Ballad

Lone Dakota Ballad

Amore Sogno o realtà Di...

LA PETTINARIA

LA PETTINARIA

Enciclopedia dei nomi, si...

La scorreggia

La scorreggia

Tiepola Loffa Biloffa ...

Vita da cani

Vita da cani

Sotto il balcone, chiusi...

Traffico

Traffico

Le sette del mattino, fa...

Prev Next

Il 4 marzo vota Pettinelli per La mossa del Cavallo

Clicca qui per andare sul sito ufficiale della Lista del Popolo 

SONO CANDIDATO ALLA CAMERA NEL COLLEGIO 8 DI ROMA CON LISTA DEL POPOLO PER LA COSTITUZIONE 

1) La Costituzione italiana è oggi inattuata, contraddetta nei suoi principi ispiratori e violata in molti articoli fondamentali. Ne hanno fatto scempio tutti i partiti, in combutta con le oligarchie finanziarie.
 
2) Il 4 Dicembre 2016, la grande maggioranza del popolo italiano ha difeso la Costituzione democratica, e ha richiesto che sia partecipata, volta a rimuovere gli ostacoli alla realizzazione dell’eguaglianza sostanziale e della giustizia sociale. Invece andremo a votare, ancora una volta, con una legge incostituzionale, varata con uno scandaloso colpo di mano da un parlamento di nominati.
 
3) “Lista del Popolo” è sia un nome che un programma politico. Noi non facciamo parte del coro ipocrita dei lamenti contro il “populismo”. È in corso una rivolta del popolo, sacrosanta e crescente. La sovranità è stata lesa e dev’essere ripristinata.
 
4) “Lista del Popolo” si rivolge, in nome dell’unità nazionale, a tutte le componenti essenziali, politiche, religiose, culturali e morali del Paese, quelle che, appunto, hanno dato vita alla Costituzione.
 
5) “Lista del popolo” è un’alleanza della società civile, non un partito, costituita da donne e uomini coraggiosi — perché cambiare questo paese richiederà coraggio — con diverse storie e provenienze, fuori dalla corruzione, competenti e onesti. Chi la sostiene s’impegna solennemente ad attuare il programma qui esposto, pur mantenendo le proprie idee là dove esse rimangano al di fuori dell’intesa programmatica comune.
 
6) Ripristinare la sovranità nazionale implica due scelte necessarie:
a) Rinegoziazione e – se impraticabile – recesso unilaterale dai Trattati europei che violano la Costituzione (art. 11 Cost.).
b) Trasformazione dell’Italia in paese neutrale, al di fuori di ogni blocco militare e al servizio della pace, all’interno delle norme della Carta dell’ONU, ponendo fine allo stato attuale di paese subalterno, liberata dalle bombe atomiche in base al Trattato di non Proliferazione Nucleare, che ha ratificato ma che non rispetta. L’Italia non ha nemici, non vuole imporre sanzioni e intende restare fuori dalla guerra.
 
7) Non siamo anti-europei. Al contrario vogliamo che l’Italia contribuisca a creare una entità europea capace di svolgere un ruolo cruciale in un mondo multipolare in difesa della pace. Se isolati, gli attuali stati europei saranno travolti dall’azione dei giganti mondiali, senza poter opporre resistenza. Vogliamo un’Europa democratica dei Popoli. Ogni limitazione della sovranità nazionale dovrà essere subordinata alla assoluta ed effettiva parità di tutti i contraenti e in nessun caso dovrà essere realizzata a spese delle garanzie democratiche previste dalla Costituzione. Occorre una nuova Costituzione europea da sottoporre mediante referendum popolari all’approvazione dei cittadini, liberi nel pieno esercizio delle prerogative costituzionali e della propria sovranità nazionale.
Leggi tutto...

Un impegno per fare, in condivisione.

Comincia oggi un ciclo di articoli sulla mia candidatura politica all’8 Municipio di Roma nella lista Sinistra per Catarci che pubblicherò su questo mio blog.

La prima comunicazione che voglio fare è relativa ai motivi della mia partecipazione alla lista municipale.

Perché mi candido….. Beh non è facile rispondere in 5 parole ma ci posso provare: “perché ho voglia di farlo” e, vi assicuro, non è poco. Volontà, socializzazione, esperienza, rispetto reciproco, giustizia, desiderio di pace, legalità, rispetto per la natura, amore per il lavoro e lotta alla corruzione oltre che condotte di vita sane, sportive e artistiche mi hanno accompagnato in questi anni di vita.

La disponibilità ad ascoltare i cittadini di un municipio che ho vissuto e visto evolversi nella mia infanzia per, seguirli cercando di dare il meglio di me per assisterli sia nei momenti di sconforto che in quelli di felicità è uno dei motori della mia campagna politica.

Tutto viene da lontano, quando nel 1960 ad appena 5 anni sono arrivato a Montagnola ho visto un quartiere che ancora soffriva dei disastri della guerra, la Piazza dei Caduti era popolata da baracche, al posto dell’attuale municipio si trovavano prati e voragini generate dai bombardamenti, la scuola media Poggio Ameno non era ancora costruita fra le baracche che la circondavano, al posto dei palazzi dei Beni Stabili a Piazzale del Caravaggio c’era un laghetto dove andavamo a pesca, e tante altre immagini per me indimenticabili, eppure la vita era bella e spensierata.

La scuola, l’arte le amicizie mi hanno formato nella mente e nell’animo di chi come me ha sempre ripudiato la guerra, portato i capelli lunghi ed amato la chitarra i motorini ed i Led Zeppelin, Lucio Battisti ed i Beatles.

La Montagnola un quartiere che è cresciuto con molta velocità e si è trasformato rapidamente, contorniato da una Garbatella ed una Tor Marancia già agglomerati urbani completi e strutturati.

A Poggio Ameno abitava Adriano Celentano che con la sua Cadillac spider enorme portava a spasso il suo clan con la radio a tutto volume, e noi piccoli lo ammiravamo perché ci piaceva come cantante e uomo di spettacolo cantando e suonando il ragazzo della via gluck ed il contadino.

Ma quando Celentano ha presentato il mondo in mi7 per me è iniziata la beat generation ed il periodo del Peace & Love. Alla piazzetta di Poggio Ameno con tutti gli amici ho vissuto momenti di empatia e di splendide condivisioni di difficile realizzazione oggi. Purtroppo l’eroina ha provocato molte morti e la Montagnola è risultata una delle zone romane a più alta mortalità per overdose.

Un salto di 15 anni e si parla di lavoro, scuola, associazionismo, famiglia e tutto cambia ma i perché della mia candidatura crescono ogni giorno.

Perché? Per esempio per evitare che le aziende facciano la stessa fine della mia, una fine data dall’esaurimento del mercato e dalla trasformazione di esso a seguito della corruzione e dei costi elevati di conduzione. Il personale ad esempio costa troppo e non è certo il job act che risolverà il problema in quanto i costi a carico dello stato per i lavoratori dovranno essere pagati da tutti i cittadini.

Dovrebbero essere realizzati servizi di consulenza per i giovani che li invitino a creare cooperative di lavoro con al centro dell’attenzione il prodotto e la sua tutela.

Con la mia azienda mi sono occupato di informatica e servizi e negli ultimi anni la piaga dei fallimenti e dei caroselli iva ha mietuto vittime con il risultato della chiusura di quasi tutte le aziende; sono rimaste solo quelle che con il mercato consumer hanno mantenuto la clientela vendendo prodotti ed accessori a bassa speculazione.

Sarebbe necessario abilitare servizi di uso e riuso ovvero ciclo e riciclo di materiali che per alcuni sono obsoleti mentre per altri sono riutilizzabili e necessari.

Perché? Per cercare di abilitare l’assistenza ai disabili indiretta e realizzare centri di consulenza e di assistenza ad essi. La mia esperienza in merito è stata terribile, con un figlio disabile al 100% dalla nascita ho fatto richiesta di portarlo al centro Vojta 20 anni fa, sto ancora aspettando che mi chiamino e, ne ho perse di giornate per cercare di farlo entrare, c’era sempre qualcuno che stava prima di me o qualche ostacolo insormontabile da superare.

Perché? Perché desidero contrastare le speculazioni create dai fallimenti di Acqua Marcia Spa o di Infrastrutture spa che lasciano Piazza navigatori e Via Costantino con edifici abbandonati o la ex Fiera di Roma senza riuso e riqualificazione aspettando chissà quale manna dal cielo per riqualificarli.

Perché? Per realizzare un sistema di monitoraggio sanitario con visite e consulenze psicologiche e mediche a tutti gli studenti del Municipio per abituarli a trattare il proprio corpo con attenzione ed a controllarlo con regolarità per una salute migliore e sane abitudini di vita.

Perché? Per inserire nelle scuole medie un sevizio di insegnamento sessuale dal momento che le trattazioni in ambiente scolastico sono insufficienti e sporadiche.

Perché? Per aprire uno sportello anticorruzione ed antimafia a disposizione della popolazione per segnalare, assistere e difendere le vittime di usura, mafia ed isolare i fenomeni di illegalità commerciale che tanto disturbano il mercato legale ed i lavoratori del commercio.

Perché? Per realizzare il mio grande progetto della Città della Musica, un luogo per i musicisti con i musicisti dove, con tante sale prove, un ambiente social ed un palco condiviso i musicisti si possano esercitare ed esibire davanti ad un pubblico sensibile senza soggiacere al ricatto dei gestori di locali pubblici che quasi sempre non solo non pagano i musicisti ma gli chiedono anche il pubblico.

Perché? Perché sono stanco di subire una politica prodotta da politici eletti da un parlamento incostituzionale e presenziato da un presidente mai votato dai cittadini. Il precedente capo dello stato ha nominato ben 3 presidenti del consiglio senza il suffragio dei cittadini.

Perché? Il mio nome sarà su di una scheda elettorale e risponderò personalmente agli elettori del mio operato giusto o sbagliato che sia e desidero farlo nel rispetto delle leggi e delle norme.

Perché? Credo che il presidente uscente Andrea Catarci abbia condotto il suo governo nella legalità, trasparenza ed interesse della popolazione cercando di ascoltare tutte le istanze e proponendo servizi sociali adeguati ed innovativi nei limiti dei poteri e delle poche disponibilità economiche a disposizione del consiglio.

 

Perché? Credo che la musica e lo sport possano essere scienze per il contrasto alla corruzione e attivando processi educativi e pedagogici per le nuove generazioni, pertanto vanno incentivate con tutte le possibili energie nelle scuole realizzando una rete di contatti, manifestazioni e interventi sul territorio municipale.

Leggi tutto...

Letture sulla Mafia e "Mafie urbanistica" il nuovo libro di Daniela De Leo

  • Pubblicato in Costume

Il nuovo volto della mafia non è più quello tipico di una volta, raccontato al cinema e in tanta letteratura. Sempre più camaleontiche, capaci di infiltarsi nella società attraverso la corruzione, le organizzazioni criminali e mafiose oggi la fanno da padrone anche nell’alta finanza e in molti settori stratetigi, ecco un percorso di letture per saperne di più.

Le mani sulla città. Quelle della mafia. Nel libro Mafie urbanistica. Azioni e responsabilità dei pianificatori nei territori contesi alle organizzazioni criminali(Franco Angeli) Daniela De Leo ricostruisce il modo in cui le organizzazioni criminali riescono ad infiltrarsi nel sistema degli appalti e persino della pianificazione urbana. Grazie alla corruzione, ma anche approfittando più semplicemente delle opacità normative, della mancata condivisione delle scelte urbanistiche da parte di chi amministra, per cui poi alle gare non partecipano sempre imprenditori “sani”… Con questa ricerca De Leo sottolinea l’assoluta necessità di indagare, in maniera più sistematica, le relazioni esistenti tra pianificazione urbanistico-territoriale e organizzazioni criminali. Ma racconta anche alcune significative pratiche di contrasto e, soprattutto, ricerche che hanno permesso di porre il problema all’attenzione della comunità scientifica nazionale e internazionale.

Contro la retoriaca dell’antimafia . Libro scomodo, il nuovo lavoro diGiacomo Di Girolamo, Contro l’antimafia (Il Saggiatore), ha l’impeto di un pamphlet contro la retorica dell’antimafia che ha «finito per rendere la memoria un feticcio, svuotandola di contenuti». Giornalista siciliano che ha vissuto come molti altri della sua generazione ha vissuto la strage di Capaci del 1992 come una «chiamata alle armi», Di Girolamo se la prende con «l’oligarchia dell’antimafia» che finisce per fare il gioco della mafia, ostentando un apparato retorico che nasconde il vuoto di azioni concrete. .Autore del libro Messina Denaro, l’invisibile, (sul potente boss di Cosa nostra ancora in libertà), Di Girolamo afferma di non aver mai avuto paura della mafia come oggi, di fronte all’attribuzione di patenti di antimafioso assegnate con troppa leggerezza, di fronte all’impossibilità di fare una critica all’antimafia che storicamente ha avuto grandissimi meriti ma che- accsa il giornalista – «oggi è ridotta alla reiterazione di riti e mitologie, di gesti e simboli». «Questo circuito autoreferenziale, che si limita a mettere in mostra le sue icone nel prete coraggioso, il giornalista minacciato, il magistrato scortato, – scrive Di Girolamo – non aiuta a cogliere le complesse trasformazioni del fenomeno mafioso. In questo modo si insinuano impostori e speculatori. Intorno all’antimafia ci sono piccoli e grandi affari, dai finanziamenti pubblici ai «progetti per la legalità» alla gestione dei beni confiscati, e accanto ai tanti in buona fede c’è chi ne approfitta per arricchirsi, per fare carriera o per consolidare il proprio potere, in nome di un bene supremo».

La mafia non è solo un problema del Sud E’ in uscita il 10 aprile il saggio diAndrea Leccese Maffia & Co (Armando editore) in cui sono passati a vaglio critico alcuni falsi miti sul fenomeno mafioso. A cominciare dal fatto che riguardi solo il sud. “Maffia” è un termine toscano, fa notare Leccese (che nel 2009 ha vinto il premio “Paolo Borsellino”). Scritto con la doppia effe, fino al secondo dopoguerra, era usato anche per indicare ostentazione e boria. «Di fatto la mafia non è un problema confinato nell’area che va dalla Sicilia alla Campania ma, sin dalle sue origini, era più esteso», sottolinea l’autore. Nel libro – ecco il punto centrale – la mafia è analizzata come fenomeno imprenditoriale funzionale, sotto certi aspetti, alla società capitalistica stessa; un fenomeno che riesce ad arricchirsi e soprattutto a infiltrarsi nella società anche in periodi di crisi, per esempio finanziando imprese che arrancano e che trovano solo porte chiuse in banca. L’obiettivo della mafia, scrive Leccese, è anche diffondere una cultura “mafiosa” che superi il recinto dei “mafiosi in senso stretto”imponendo il proprio modo di fare affari, il proprio modo di gestire l’economia e le relazioni.

Per conntinuare ad approfondire:

Federica Angeli , Il mondo di sotto, Castelvecchi, in cui la giornalista ha raccolto le sue inchieste, su racket e corruzione a Roma

Isaisa Sales, Storia dell’Italia mafiosa, Rubettino. Sales analizza la lunga serie di intrecci tra Stato, mafie e società civile. Nel libro la storia della mafia, della ‘ndrangheta e della camorra viene ricostruita dalla nascita nel Mezzogiorno borbonico, allo sviluppo nell’Italia post unitaria, fino al definitivo affermarsi in età repubblicana, fino ai nostri giorni. E’ una sorta di grande affresco storico che individua le ragioni di fondo di un modello criminale il cui successo dura ininterrottamente da duecento anni.
Giuseppe Ayala, Chi ha paura muore due volte, Mondadori:  il giudice Ayala  ricorda i due attentati di Punta Raisi e di via d’Amelio, che segnarono il momento più drammatico della lotta contro la mafia in Sicilia. Giovanni Falcone e Paolo Borsellino restano due simboli, non solo dell’antimafia, ma anche di uno Stato italiano che, grazie a loro, seppe ritrovare una serietà e un’onestà senza compromessi. E molto di più per  Giuseppe Ayala, che di entrambi non è stato solo collega, ma grande amico.
Antonio Calabrò I mille morti di Palermo, Mondadori: Calabrò ricostruisce la «mattanza» degli anni Ottanta. La «Milano da bere».  L’escalation cominciò il 23 aprile 1981, quando fu ucciso Stefano Bontade, «il falco», potente boss di Cosa Nostra. Un omicidio che  scompaginò le file delle più antiche famiglie mafiose, ribaltando gerarchie, alleanze, legami d’affari. Ci sarebbero stati poi centinaia di altri morti . Quasi tutti per mano dei corleonesi di Totò Riina e Bernardo Provenzano e dei loro alleati, i Greco, i Brusca, i Marchese.

La foto è di Letizia Battaglia ed è esposta nella mostra Anthologica in corso nello spazio Zac a Palermo fino all’8 maggio

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Altre News

Poesie

Era sera quando ho pensato

Era sera quando ho pensato

22 Luglio, 2021 | Hits:158

Era sera quando ho pensato Di trovare un amore abbandonato Avevo cuore polmoni...

Poesie

I valori della vita

I valori della vita

21 Luglio, 2021 | Hits:191

Tutto ciò che ti sei costruito è lodevole ma, ricorda che la sapienza, l’amore, ...

Poesie

Pensierini ricevuti ed inviati

Pensierini ricevuti ed inviati

21 Luglio, 2021 | Hits:155

Che il tuo cuscino sia morbido, le tue coperte siano calde e che la tua mente si...

Poesie

Volare

Volare

21 Luglio, 2021 | Hits:160

E' sera mi trovo in finestre per mettere la musica per non sentirmi solo e farla...